Ancora voglia di dolci pasquali? Niente paura… per la linea. Farina d’avena, stevia e latte vegetale. Quando la “colomba” di Pasqua è buona ed anche sana

Colomba

Colomba artigianale

Ma chi l’ha detto che un prodotto healthy non può essere (anche) buono? È la teoria di un giovane imprenditore partenopeo del “mangiar sano”, Fabio Amodio che, dopo un passato da sportivo agonista, studia e decide che “light” non vuol dire non gustoso e che fare sport non significa limitarsi a mangiare solo pollo e merluzzo sconditi. Così, dal suo incontro con uno chef pasticcere nasce un progetto che unisce il buono al sano, sfornando il  classico dolce di Pasqua: la colomba, rivisitata ad hoc, ma pur sempre squisita.

Ingredienti

Farina di avena, stevia, latte vegetale. Questi, i primi ingredienti per l’impasto che si differenziano da quelli classici ovvero farina 00,  zucchero e burro.  La Colomba by Vincesar food è prodotta in maniera assolutamente artigianale e va così ad inserirsi in una fetta di mercato fatta di persone che tengono alla linea, ma senza dover rinunciare al gusto. La lavorazione di questa colomba è tutta a mano, non c’è nulla di industriale, ed anche il packaging è in linea: non vanta il tradizionale scatolo, ma è avvolta in una carta naturale. Sette i gusti proposti da Amodio per il ripieno della sua colomba: cioccolato fondente, cioccolato bianco, pistacchio, nocciolato, mandorlato, alla crema di caffè e alla crema di  limone. “ Health sì, ma con gusto” è il mio claim da sempre – spiega Amodio. Il mio passato da sportivo mi ha insegnato che il mangiar sano è uno stile di vita, che andrebbe rispettato sempre, ma senza  dimenticare il gusto. Non si tratta solo di una questione dietetica, ma di imparare che saper mangiare è fondamentale per una vita sana e felice”. Alla base di questa ricetta lo studio sui macronutrienti che fanno sì che una fettina di colomba Vincesar sia più ricca di proteine che di zuccheri, rendendola quindi più light. E quindi per i golosi di colomba è possibile acquistare il prodotto anche online sul sito della Vincesar aspettando il periodo natalizio per poi provare il panettone.

Salvatore Ferragamo

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *