Borsa Italian del Turismo, l’Italia cresce sempre di più

BIT – L’Italia cresce sempre di più ma con un enorme potenziale non sfruttato

Giunta alla 39esima edizione la BIT – Borsa Internazionale del Turismo ha concentrato l’attenzione nell’edizione 2019 sull’aspetto dell’innovazione nel settore turistico focalizzandosi sul ruolo dell’intelligenza artificiale nel disegnare viaggi personalizzati per attrarre sempre più turismo. L’edizione 2019 ha macinato numeri in linea con quelle che sono le tendenze turistiche nazionali. E anche se la BIT deve considerarsi a pieno titolo un evento di rifermento per il mercato del turismo, i 43.000 visitatori che hanno affollato gli stand di Fiera Milano City nei tre giorni della manifestazione costituiscono l’espressione di un settore in crescita. I numeri del successo infatti, non sono rappresentati esclusivamente dai visitatori della manifestazione. 1300 gli espositori, l’hashtag di Twitter #BIT2019 ha fatto registrare 1,2 milioni di visualizzazioni, 700.000 sono stati i contatti dei profili social dell’evento, 141 gli eventi organizzati durante i tre giorni cui hanno partecipato più di 7.000 persone, oltre 1900 i giornalisti accreditati.

Numeri importanti che fanno da contorno a un mercato abbastanza particolare. Stante almeno a quanto evidenziato dal Rapporto sul Turismo Italiano, curato dall’Istituto di ricerca su innovazione e servizi per lo sviluppo del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr-Iriss), che è stato presentato il giorno di inaugurazione della BIT, il settore turistico italiano non presenta problemi, ma più della metà del fatturato generato dall’indotto (54,3%) è generato da 5 regioni. La Lombardia è al primo posto con il 13,6% (pari a circa 11 miliardi di euro) della spesa complessiva effettuata dai turisti non residenti in Italia e di quelli residenti in altre regioni; seguono il Lazio con l’11,4% (9,2 miliardi), la Toscana con l’ 11,3% (9,1 miliardi), il Veneto con l’ 11,3% (8,3 miliardi) e l’Emilia-Romagna con il 10,2% (6,1 miliardi).

Inoltre in linea con quella che è una tendenza ormai generalizzata il numero di arrivi di turisti stranieri nelle città d’arte si è incrementato in maniera rilevante nell’ultimo biennio, con Venezia e Firenze che la fanno da padrona in quanto a turisti stranieri, presentando altissimi indici di territorialità. A Venezia per ogni abitante ci sono 45 turisti, mentre a Firenze ce ne sono 26.

L’edizione 2019 della BIT è stata inaugurata dal ministro delle Politiche agricole, alimentari, forestali e del Turismo, Gian Marco Centinaio, che ha sottolineato il ruolo dell’Italia come importante potenza del turismo internazionale, e mostrando un po’ di disappunto commentando il quinto posto mondiale per numero di ospiti internazionali, dietro Francia, Usa, Spagna e Cina, auspicando delle attività di ulteriore potenziamento dell’offerta turistica che possano portare l’Italia ancora più avanti in questa speciale classifica.

Concordiamo con il Ministro Centinaio che l’Italia è un paese meraviglioso dal punto di vista paesaggistico  è ricco di tradizioni, di storia, di arte e di sapori al punto da far invidia al mondo intero. Quando decidiamo i luoghi delle nostre vacanze chiediamoci perché tantissimi turisti stranieri scelgono l’Italia… Viaggiamo Italiano, Compriamo Italiano.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *